Gucci

Autunno-Inverno 2012/13 – Frida Giannini ha combinato il vecchio con il nuovo nella collezione AI2012 di Gucci. Con le sue stesse parole  lei voleva trasmettere un poeta, non il formale paroliere del 19 secolo, ma qualcuno più grunge e senza sforzo, forse un compositore rock? I colori e i tessuti erano tipici del rocker che sta invecchiando ma le forme e le figure che lei ha creato erano giovani e fresche; pantaloni skinny in velluto bordeaux e maglioni spessi e larghi indossati su abiti più formali dandogli un vantaggio. Lei ha mostrato stampe floreali e jacquard, e arazzi sulle giacche e borsoni tipo vecchie tende, dando un tocco creativo a un taglio semplice. C’erano accenni agli anni settanta con giacche militari e pantaloni slim su modelli, insieme con stivali da equitazione che hanno creato un grunge più signorile. Lei ha citato il film del 1995 Total Eclipse come ispirazione, nel quale Leonardo Di Caprio interpreta Arthur Rimabaud, un poeta maledetto che si innamora del suo mentore sposato Paul Verlaine. C’è sicuramente un senso di decadenza e distruzione in questa collezione signorile e artistica.

Jemma De Blanche

Scritto da Jemma De Blanche

Jemma De Blanche is a fashion and lifestyle journalist with a background in marketing and copy-writing, is in awe of all things creative and loves getting lost in a good book, a beautiful picture or the creativity of new collection. Jemma handles the Fashion in Film pages and the Men's catwalk reviews.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>