Dior Homme

Autunno-Inverno 2011/12 – Aprendo con un abito nero che sembrava tipo Scrubs o un uniforme ospedaliera, Kris Van Assche ha stabilito un’atmosfera patologica che non è diminuita durante lo show. Completi che sembravano abiti da ospedale psichiatrico; i modelli sfoggiavano capelli lunghi e spettinati e avevano facce pallide. Tutto ciò è continuato con completi con pantaloni larghi stile gangster anni ’40 con scarpe dalla punta rotonda e larghe bombette. Ampie fasce di stoffa soffocavano i modelli e top non su misura con pantaloni di sartoria, spalle arrotondate e giacche double face miglioravano la fluidità che stava cercando di trasmettere. “Dopo l’estate, che è stata molto fluida, è stata una sfida creare una collezione invernale che sembrasse fluida. Ovviamente, i materiali sono più pesanti e a strati”. La collezione ha un’aria di anti-establishment, con modelli in completi eleganti con orecchini, trasandatezza dove ci dovrebbe essere eleganza e in evidenza solo grigi e neri con 2 o 3 pezzi rossi gettati dentro. Questi sembravano leggermente fuori luogo, nell’austerità della collezione.

Jemma De Blanche

Scritto da Jemma De Blanche

Jemma De Blanche is a fashion and lifestyle journalist with a background in marketing and copy-writing, is in awe of all things creative and loves getting lost in a good book, a beautiful picture or the creativity of new collection. Jemma handles the Fashion in Film pages and the Men's catwalk reviews.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>