Rick Owens

Primavera-Estate 2013 – Piuttosto restio a seguire le mode, Rick Owens lascia il segno com’è suo solito: allontanandosi dalle tendenze comuni per creare qualcosa di poco ortodosso; basta pensare alle folte acconciature. Questa volta, lo stilista s’è distanziato dalla quintessenza del cupo e del gotico per muoversi verso (osiamo dire) uno stile più delicato e femminile. Con nuvole di cotone a canzonare l’ingresso della passerella, gli abiti assumevano una forma piuttosto gonfia, con orli elasticizzati a donargli un effetto per così dire appallottolato. Le lunghezze erano smisurate; gli abiti venivano indossati sulle maxigonne, sebbene trasparenti, in linea con l’attuale trend del multistrato. La silhouette risultava tumida e appariva nei toni del grigio chiaro e dell’albicocca, con vene d’oro metallizzato. Le abbondanti e stravaganti mantelle usate in guisa di abito da sera ondeggiavano intorno alle modelle – capi senza una forma definita che divengono più strutturati grazie alle rigide maniche e ai punti vita delicatamente stroncati. In seguito, hanno sfilato abiti a forma di sacchetti dell’immondizia abbinati a giacche scabre, ad illustrare l’originale utilizzo delle stoffe. Una collezione duale: teatrale e ultraterrena.

Zoe Garton

Scritto da Zoe Garton

Zoe Garton was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project. She has a fervour for fashion and graduated with a BA (Hons) in History at University College London. Zoe is responsible for our Ready-to-Wear and Haute Couture sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>