Raf Simons

Autunno-Inverno 2013/14

Raf Simons ha già un bel fardello sulle spalle e la collezione uomo non è altro che un ulteriore bagaglio da portare; ma mentre alcuni avrebbero ceduto sotto tale pressione, Mister Simmons continua a mostrare una spina dorsale di ferro.

A Parigi Raf Simmons prende l’immagine dello studente, che è diventata la silhouette indispensabile nelle stagioni passate, e introduce una fase successiva con pantaloni lunghi e ampi che sostituiscono i modelli slim lunghi fino alla caviglia appartenenti al passato. In stile anni ‘60 ma non ostentato e appariscente; è austero in vari aspetti, con camicie dai colletti lunghi che spuntano da maglioni o dolcevita in una serie di tonalità vivaci come verde bottiglia, beige e celeste acceso. Questa silhouette morbida improvvisamente diventa più rigorosa grazie all’arrivo dei blazer doppiopetto, oversize e provvisto di un pannello che si estende fino alla clavicola, aggiungendo struttura e diversità agli abiti indispensabili di questa stagione.

Presenti anche connotazioni geek o da studente secchione nei maglioni e gilet a maglia con motivi di spadaccino posti sopra e sotto le camicie dallo stile retro. Questa mescolanza di pezzi crea una collezione da cui non nasce un look specifico ma in un senso più ampio rispecchia la scalata di Raf Simmons: cresce nel mondo della moda e così fa il suo uomo.

Tobias Orrells

Scritto da Tobias Orrells

Tobias Orrells graduated from Liverpool John Moores University with a degree in International Journalism, however, steering away from news, has focused his creativity to reporting on the progression of men’s fashion. He is an avid writer and lover of fashion and music and combining the two helps create the icon profiles. Looking after the Catwalk Yourself Icons biographies


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>