Versace

Primavera-Estate 2013 – Ben poco spazio è stato lasciato all’immaginazione, dato che i provocatori capi della collezione altro non facevano che mostrar le carni. Prendiamo in esame il primo abito, con quella stringa all’uncinetto incrociata lungo il corpo, a mostrare un lembo di capezzolo e, lungo gli orli, parte della coscia. Abbiamo ammirato poi un cortissimo top, che rivelava quasi interamente lo stomaco e, in coordinato, shorts ridottissimi e sexy con finiture trasparenti. Perfino le scarpe erano attillate, con nastri eretti fino al limite del ginocchio. Gli esili abiti neri apparivano alquanto licenziosi, con una lieve struttura data dalla sola cintura, portata bassa sulla vita sottile. I capi risultavano incredibilmente striminziti e l’effetto era reso più efficace dalla colorazione neutra. Le più luminose realizzazioni in arancione sembravano capi di lingerie, piuttosto rischiosi alle volte, con fessure dappertutto; mentre gli abiti in nero ostentavano abbondanti scollature tenute insieme con lo spago. Le creazioni finali, con gli orli alti e i copiosi spacchi, hanno mostrato il vero interesse della donna di Versace – sesso e impudenza.

Zoe Garton

Scritto da Zoe Garton

Zoe Garton was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project. She has a fervour for fashion and graduated with a BA (Hons) in History at University College London. Zoe is responsible for our Ready-to-Wear and Haute Couture sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>