Givenchy

Primavera-Estate 2013 – Per questa stagione, Tisci si è sforzato di celebrare la propria personalità attraverso le sue creazioni; il suo nome è diventato un’icona, alla stregua del marchio stesso. Abbiamo assistito all’equilibrio tra durezza e morbidezza, spigolosità e purezza, che lo stilista ha descritto come “superduro e perciò supermorbido”, con una tendenza ai tagli anni Sessanta. La conciliazione era evidente nella diversità dei top: da una parte, arricciati e sbracciati e, dall’altra, luminosi e completi di maniche. Dal punto di vista dei colori, i toni del celeste erano contrapposti a quelli del nero; entrambi rappresentativi dei due diversi concetti. Gli accessori consistevano in semplici pochette e collarini clericali, con dei rivetti a fermare vita e spalline, come ornamento per sé, ma anche per favorire la progressione di balze e volant. La silhouette risultava arcuata, non solo dalle camicette con maniche fluttuanti, ma anche dalle giacchette con maniche curvate. Tessuti translucidi si libravano su rigidi e più strutturati top, pantaloni e gonne, e gli splendidi plissé hanno aggiunto un tocco di femminilità ai più strutturati cappotti: un classico esempio di femminilità contenuta.

Zoe Garton

Scritto da Zoe Garton

Zoe Garton was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project. She has a fervour for fashion and graduated with a BA (Hons) in History at University College London. Zoe is responsible for our Ready-to-Wear and Haute Couture sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>