Balenciaga

Primavera-Estate 2013 – Nicolas Ghesquière ha mostrato un tocco di ingegnosità, offrendo una variante alla norma vigente. Per cominciare, un top sportivo bianco simile a un reggiseno avvolto a croce intorno il busto, abbinato agli eleganti e sempreverdi pantaloni neri affusolati. In seguito, una rivisitazione del comune tubino nero, al quale è stata aggiunta un’increspatura foderata di bianco sul retro, stile ballerina di flamenco. Questo, insieme a gonne dalle rigide estremità, ha forgiato una nuova dimensione, che unisce simultaneamente il lungo e il corto. Le maniche svasate donavano un tocco oltremodo femminile così come le gonne a pieghe, nonostante la mite e selettiva colorazione prediligesse solo nero, beige, bianco e guscio d’uovo. Contemporaneamente, una sartoria più matura ha promosso il perfetto abito da lavoro: pantaloni e blazer assieme a scarpe con le stringhe piuttosto maschili. Le silhouette diventano più estreme, con eccentriche gonne increspate o top ritagliati quasi grossolanamente. Pochi accessori, a promuovere soprattutto la nuova borsa a secchiello, piccola o grande, a seconda della parte del giorno. Camicie bianche e scamiciati grigi hanno perso la propria innocenza grazie agli orli asimmetrici e ai fianchi stroncati, così com’è successo ai capi in tweed abbinati a piccoli e aderenti top. Uno spettacolo sia innovativo che maturo: ce n’era un po’ per tutti i gusti.

Zoe Garton

Scritto da Zoe Garton

Zoe Garton was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project. She has a fervour for fashion and graduated with a BA (Hons) in History at University College London. Zoe is responsible for our Ready-to-Wear and Haute Couture sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>