Marc Jacobs

Primavera-Estate 2012 – L’intestazione del programma “Film”. L’ipotesi: la collaborazione tra film e moda. Per iniziare, il can can degli anni 20 è arrivato in città, ma questa volta con un tocco moderno. Pailette e fiocchi sono diventati luccicanti fibre sintetiche su gonne e abiti. La cowgirl western era evidente, metaforicamente al galoppo lungo la passerella con un cappotto di pelle con le frange,e avete indovinato, stivali da cowboy in plastica trasparente. Gli stivali hanno rafforzato l’importanza dei tessuti cangianti utilizzati per l’orlo delle gonne, prima delle pailettes sulle sottovesti senza maniche. Dopo sono venuti i tessuti a quadretti da picnic. Qui si pensa a Judy Garland che debutta come Dorothy. La giustapposizione di texture sosteneva l’aspetto di sperimentazione della collezione. Gonne luminose in silicone e c’era un uso pesante di felpe in cashmere. La ragazza cocktail,  sintomatica di film e moda, sembra farsi strada alla ribalta attraverso il velo e gli abiti con scollo a V che culminavano con l’orlo ravvivato. L’ostentazione qui.

Zoe Garton

Scritto da Zoe Garton

Zoe Garton was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project. She has a fervour for fashion and graduated with a BA (Hons) in History at University College London. Zoe is responsible for our Ready-to-Wear and Haute Couture sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>