Alexander McQueen

Primavera-Estate 2012 – Ora che ha trovato il ritmo, Sarah Burton ha fatto un altro colpo di spettacolo durante la settimana della moda di Parigi. È stata la quintessenza di McQueen, più un’esibizione teatrale che una sfilata di moda, con un cimentarsi nel sadismo&masochismo. Le modelle sono entrate in maniera incomprensibile sulla passerella ; le loro teste erano avvolte dal pizzo, e successivamente mascherate in un insieme di conchiglie- che riportano il penetrante tema della PE. Le maschere simbolizzano gli abiti che abbiamo imparato ad amare, e sono stati gli abiti che hanno scolpito la silhouette per la sfilata. Gonne strette erano piazzate sotto giacche stampate, finendo con una piega di oro placcata, o un consumo di ruches. Abiti graziosi tenuti in vita prima di finire in uno svolazzo di piume o di tulle. Ai maxi-abiti era dato un tocco gotico, colorati in nero scuro. È stata un’innovazione al massimo da parte del genio della moda.

Zoe Garton

Scritto da Zoe Garton

Zoe Garton was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project. She has a fervour for fashion and graduated with a BA (Hons) in History at University College London. Zoe is responsible for our Ready-to-Wear and Haute Couture sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>