Jean Paul Gaultier

Autunno-Inverno 2010/11 – Tutto quello che riguardava questo spettacolo era transnazionale. Dall’invito, alla band live di balalaika russa e banjo, all’abbigliamento colorato che includeva berretti di pelle e turbanti d’oro vivacemente ricamati o con oro metallico. I cappelli erano certamente importanti. I cappelli di pelliccia nepalese erano centrali per i soprabiti che comprendevano collant giallo brillante o verde sgargiante e stampe azteche su calzini di lana all’altezza della coscia. Molti abiti erano drammatizzati così un paio di pantaloni beige non erano a vita alta ma all’altezza del torace e le spalline dei cappotti erano più ampie del solito, accenno agli anni ottanta. La collezione culturale ha collegato le nazioni con la pretesa dell’idea del multi nazionalismo : abiti felpa stavano sopra pantaloni di seta cinese ricamata; platform asiatiche di legno prima delle Mary Jane; le camice con il collo alla coreana sotto cappotti a scacchi; fermagli per il collo aborigeni e cavigliere indiane; l’elenco è interminabile. Un elenco interminabile che punta al miscuglio di stampe, colori, tessuti e qualsiasi cosa che era gettata nel mix.

Zoe Garton

Scritto da Zoe Garton

Zoe Garton was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project. She has a fervour for fashion and graduated with a BA (Hons) in History at University College London. Zoe is responsible for our Ready-to-Wear and Haute Couture sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>