Alexander McQueen

Autunno-Inverno 2010/11 - È difficile tradurre in parole in assoluto i più importanti momenti dell’evento. Il fatto è che la presentazione della collezione finale di Alexander McQueen a Parigi parlava da sé. Sotto tutta la malinconia, lo show ha perpetuato la splendida maestria che abbiamo sempre amato. Ogni capo di abbigliamento era squisito. Con lo sfondo della musica classica, le immagini pittoresche di Heironymus Bosch, Botticelli e Hugo van der Goes erano stampate digitalmente sui corpetti di seta. Non sarebbe McQueen senza lo straordinario, momenti da far restare senza fiato. Prima, le teste bendate, secondo la foglia o le creste piumate e terzo, gli stivali in pelle di coccodrillo che erano allacciati sopra platform ornate di fiori d’oro. Ironicamente, c’era molta iconografia religiosa e insieme a una grande sartoria, è stata presentata un’immagine potente. Sottogonne di piume rigide colorate singolarmente, abiti d’oro, gonne a strati di tulle erano originali e riccamente decorate. È stata una collezione davvero incredibile.

Zoe Garton

Scritto da Zoe Garton

Zoe Garton was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project. She has a fervour for fashion and graduated with a BA (Hons) in History at University College London. Zoe is responsible for our Ready-to-Wear and Haute Couture sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>