Louis Vuitton

Primavera-estate 2013Kim Jones ha portato la sua collezione al mare, in tutti i modi possibili. Voleva dare l’imamgine di un uomo capace di passare la sua vita in giro per il mondo, godendo di tutte le cose che l’oceano ha da offrire. Con il Mediterrano e l’Atlantico a bagnare la Madrepatria francese, l’essere circondato dall’acqua ha fornito allo stilista una forte ispirazione. Hanno sfilato pescatori con abbondanti impermeabili resistenti all’acqua e cappelli antipioggia, sub, salvagenti imbottiti in PVC, diportisti e bagnanti. I colori e i tessuti leggeri, alcuni a effetto-bagnato, delineavano un perfetto abbigliamento oceanico. In generale, lo stilista si ispira all’ensemble di viaggiatori e patchwork della tecnica giapponese Boro, una metodo artigianale che necessita di tempistiche lunghe, e che ha trasformato il malridotto turista libertino in lussuoso e inusitato viaggiatore. Effetti sul pubblico? Beh, di sicuro la collezione ha fatto in modo che tutti desiderassero andare in riva al mare.

Jemma De Blanche

Scritto da Jemma De Blanche

Jemma De Blanche is a fashion and lifestyle journalist with a background in marketing and copy-writing, is in awe of all things creative and loves getting lost in a good book, a beautiful picture or the creativity of new collection. Jemma handles the Fashion in Film pages and the Men's catwalk reviews.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>