Comme des Garcons

Primavera-Estate 2013Povero re. Rei Kawakubo non ci ha fatto ben capire se dovremmo rammaricarci per il re o se quel “povero” si riferisce invece ai suoi problemi economici. Se fossi io il re vittima della sfortuna, mi piacerebbe trasudare il massimo del lusso, proprio come la collezione in oggetto. O forse lo stilista intendeva dire che il cappotto la faceva da re, dato che nella collezione tali capi trionfavano, da quelli formati da drappi di pelle sovrapposti a morbida lana a quelli di velluto pettinato in doppio petto, lunghi alla caviglia, che avvolgevano i pigiama come fossero vestiti, facendoli sembrare abiti da sera. Quindi, forse il re era malato e non poteva togliersi il pigiama ma, caspita!, che assortimento che aveva a disposizione: laminato in oro, in kilt vecchio-stile, in stile kimono e mimetico. Qualunque sia l’indisposizione del re, i capi ostentavano un tocco immacolato e sfarzosi tessuti. Povero re? Prosperoso re.

Jemma De Blanche

Scritto da Jemma De Blanche

Jemma De Blanche is a fashion and lifestyle journalist with a background in marketing and copy-writing, is in awe of all things creative and loves getting lost in a good book, a beautiful picture or the creativity of new collection. Jemma handles the Fashion in Film pages and the Men's catwalk reviews.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>