Versace

Primavera-estate 2013Donatella voleva donarci un pugile che fosse “un po’ Rocky, un po’ Elvis e un po’ Mister T” e, nell’anno di Hunger Games, è riuscita a farlo in modo piuttosto futuristico. La sfilata si apre con un gladiatore fantascientifico [o sci fi, se preferisci], completo di cintura da campione ed elaborati sandali, ornati con gomma e borchie. I muscolosi uomini, spesso seminudi, sfoggiavano versioni sgargianti e glamour di abbigliamento sportivo, scarponcini da boxe metallizzati, abiti fiorati per il tempo libero e giacche in pelle rosa senza maniche. Nell’anno delle Olimpiadi di Londra 2012, lo sport è nella testa della gente e questa collezione non ha voluto in alcun modo modificare lo status quo. È stato divertente, affrancato da condizionamenti e giudizi e, in questa disciplina, Donatella Versace vince sempre.

Jemma De Blanche

Scritto da Jemma De Blanche

Jemma De Blanche is a fashion and lifestyle journalist with a background in marketing and copy-writing, is in awe of all things creative and loves getting lost in a good book, a beautiful picture or the creativity of new collection. Jemma handles the Fashion in Film pages and the Men's catwalk reviews.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>