Emporio Armani

Primavera-Estate 2013Armani ha intitolato questa passerella “impeccabile”, e credo proprio che si riferisse all’uomo piuttosto che all’abito. Non che i capi non fossero meravigliosi; il fatto bizzarro è che sono stati creati usando tessuti che tutto sono fuorchè impeccabili, lino, seta, carta-pelle, tessuti che si increspano facilmente o che perlomeno così appaiono al pubblico. D’altra parte, i modelli erano impeccabili e lo si poteva notare attraverso i pullover e le t-shirt in maglia di rete, le camicie con lunghi scolli a V e gli ampi colletti, grazie ai quali si potevano scorgere vaste sezioni di pelle. Nella collezione v’era anche un forte riferimento allo sport, con comodi pantaloncini su misura, costumi da bagno e impermeabili. Quindi, è probabile che Armani si riferisse all’impeccabilità in campo, il chè è alquanto ironico visto che la collezione mostra più che altro l’impeccabilità del suo creatore, che pur allontanandosi dagli usuali abiti da sera, eleganti e di alta sartoria, e dall’abbigliamento da uomo d’affari, ancora una volta non sbaglia.

Jemma De Blanche

Scritto da Jemma De Blanche

Jemma De Blanche is a fashion and lifestyle journalist with a background in marketing and copy-writing, is in awe of all things creative and loves getting lost in a good book, a beautiful picture or the creativity of new collection. Jemma handles the Fashion in Film pages and the Men's catwalk reviews.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>