Cotton Club (1984)

Fashion in Films 1980s The Cotton Club

Copyright © 1984 Metro – Goldwyn – Mayer Studio’s

Con il tema gangster diventato popolare in film dei tardi anni settanta e ottanta, Francis Ford Coppola è tornato indietro alle radici del soggetto e si è concentrato sul proibizionismo degli anni 20’nel ‘Cotton Club’ per questo film. Frequentato da gangster, con cantanti per lo più afroamericani ma che permetteva l’accesso solo a clienti bianchi; erano gli anni 20’, un posto glamour ma pericoloso dove andare. Lo stile e la composizione usuale di Francis Ford Coppola non vacillano in questo film, assicurando quel tipo di estetica a cui dopo diventeremo abituali. Milena Canonero, la costumista che aveva lavorato a successi precedenti come ‘Arancia Meccanica’ e ‘Barry Lyndon’, vinse l’Oscar per i migliori costumi per questo film.

Il suo ritratto dello stile flapper degli anni 20’ era incantevole, mostrando abiti da sera ingioiellati con zucchetti e cuffie adornate da pizzo e piume. Gli uomini indossavano il classico tre pezzi e le giacche smoking bianche con pantaloni neri e cravatta a farfalla, e i gangster indossavano sempre il loro fedele cappello di feltro. Il glamour era palpabile e ci faceva far desiderare di ritornare indietro nel tempo a questi fumosi, coraggiosi localini jazz.

 

Jemma De Blanche

Scritto da Jemma De Blanche

Jemma De Blanche is a fashion and lifestyle journalist with a background in marketing and copy-writing, is in awe of all things creative and loves getting lost in a good book, a beautiful picture or the creativity of new collection. Jemma handles the Fashion in Film pages and the Men's catwalk reviews.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>