Ralph Lauren

Nato a New York, New York, USA, 1939

Designer Biography Ralph Lauren

Credits & copyrights: Courtesy of Ralph Lauren

Nato da immigrant ebrei, Ralph Lauren è cresciuto nel Bronx, a New York. Cresciuto con tre fratelli più grandi, il senso della moda di Lauren è iniziato in tenera età. Comprando completi costosi, con soldi che guadagnava dal suo lavoro dopo la scuola, ha voluto sembrare stiloso sin da quando aveva 12 anni.

Durante la scuola, Lauren ha venduto cravatte che faceva lui stesso per gli altri studenti, anni dopo, a 16 anni, il fratello più grande di Ralph ha cambiato il suo cognome da Lifshitz a Lauren per il bullismo. Dopo la scuola ha frequentato il Bauruch College dove ha studiato business ma l’ha lasciato dopo soli 2 anni.

In seguito ha servito due anni nell’esercito americano tra il 1962 e il 1964. Lo stesso anno ha sposato Ricky Anne Low-Beer. Per i successivi anni Lauren ha lavorato come assistente di vendite da Brooks Brothers e poi da A Rivetz&Co., un’industria di cravatte. Nel 1967 Lauren ha ottenuto un supporto finanziario da Norman Hilton per aprire un negozio di cravatte a New York, dove ha iniziato a vendere i suoi modelli.

Mentre sviluppava la sua collezione di cravatte, il negozio Bloomingdale ha iniziato a interessarsi a Lauren, ma insisteva che Lauren togliesse il suo nome dal marchio delle cravatte e le facesse più spesse ma Lauren rifiutò di vendere a Bloomingdales sotto quelle condizioni.

Le sue larghe e vistose cravatte fatte di materiali opulenti divennero brevemente un capo di abbigliamento maschile status symbol. L’anno dopo Lauren ha disegnato una linea di abbigliamento maschile e nel 1969, Polo by Ralph Lauren ha aperto il primo negozio in un negozio, nei magazzini Bloomingdales.

Nel 1970 Lauren ha ricevuto il suo primo Coty Award per l’abbigliamento maschile e l’anno dopo è stata introdotta una collezione femminile. La linea femminile ha anche lanciato l’emblema con il giocatore di polo che era originariamente sul colletto delle camicie da donna. Nel 1974, Ralph Lauren ha disegnato i costumi per il film “ The Great Gasby”. Lauren ha vestito l’intero cast maschile in maglioni e completi anni 20’. L’anno dopo Lauren ha vinto l’American Fashion Award e nel 1976, Lauren ha vinto il Coty Award per l’abbigliamento femminile ed è entrato anche nella Coty Hall of Fame per l’abbigliamento maschile. L’anno dopo ha fatto lo stesso per l’abbigliamento femminile.

Nel 1983 Lauren ha lanciato una collezione casa e nel 1986, Polo Ralph Lauren ha aperto un flagship store sulla Madison Avenue 72nd Street nella mansione Rhinelander, continuando l’esperienza nelle vendite.

Nel 1992, Audrey Hepburn ha presentato Lauren con il CFDA Lifetime Achievement Award e l’anno dopo, è stata introdotta la linea sportiva Polo Sport. Nel 1997 Ralph Lauren ha ricevuto il Menswear Designer of the Year Award del CFDA e con il millenio, Lauren ha fondato Ralph Lauren Media. Nel 2004 è stata introdotta una nuova linea Rugby, una collezione lifestyle con target dai 16 ai 25 anni. Nel 2007 il CFDA ha premiato Lauren con il primo American Fashion Legend Award e nello stesso a Polo Ralph Lauren è stata aggiunta una linea di orologi e di gioielli.

Nel 2009 il CFDA ha dato Lauren il primo Popular Vote Award, la linea Rugby ha lanciato un’App per iPhone e ha prodotto anche il suo primo fashion show online. Una casa di moda incredibilmente famosa, Ralph Lauren è il primo stilista a fondere lo stile americano con la raffinatezza sartoriale. Il suo stile è preppy romantico con un patrimonio classico americano.

Saxony Dudbridge

Scritto da Saxony Dudbridge

Saxony Dudbridge was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project, Saxony studies International Fashion Marketing and she is responsible for our great History and Designers Biographies sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>