Marlon Brando

Copyrights & credits: AFP / John Engstead / Kobal / The Picture Desk

 

Marlon Brando è conosciuto oggi come uno dei più grandi attori maschili del cinema americano. Celebre per il suo status di sex symbol, per la sua rude mascolinità e il suo sguardo pensieroso, fece sì che ogni ragazzo americano volesse diventare come lui, e ogni ragazza andasse in estesi vedendolo.

Brando recitò in oltre 40 film, tra cui alcuni dei più iconici che siano mai stati realizzati. Inoltre, con la sua immagine da cattivo ragazzo e il suo innegabile appeal, Brando, come molte altre star di Hollywood prima di lui, è diventato una icona di stile senza tempo.

Nato nel 1924 in Nebraska, Brando seguì i passi dei fratelli, iniziando la carriera d’attore, diventando un membro dell’ Actors Studio di New York, dove fu allievo della acclamata Stella Adler, da cui apprese la tecnica attoriale del cosiddetto Metodo Stanislavski. La sua grande occasione arrivò con il film “Un tram che si chiama desiderio”, del 1951, per il quale ottenne la nomination all’Oscar come Migliore Attore, candidatura poi ripresentata per i tre film successivi. Tuttavia fu la sua apparizione in “Il selvaggio” (1954) che definitivamente fissò nelle menti degli spettatori la sua icona da “bad boy”, così come l’immagine di lui in posa con la sua Triumph. Le sue interpretazioni in alcuni successi mondiali quali “Il padrino” (1972) e “Superman” (1978) definirono per sempre il suo ruolo di stella del cinema americano e gli permisero di conquistare numerosi premi e riconoscimenti.

Così come molti altri attori del tempo, Brando possedeva uno stile unico, quasi una firma: una t-shirt attillata, bianca e stretta, fu uno dei suoi principali look, accostata normalmente ad un paio di blue jeans e un pacchetto di sigarette nella mano. Una delle più celebri fotografie di Brando rimane quella in sella alla sua motocicletta in “Il selvaggio”. Qui Brando vestiva una giacca di pelle lucida sopra una maglietta bianca infilata nei blue jeans, in sella ad una Triumph rossa. Proprio la giacca di pelle era uno dei suoi capi preferiti, contribuendo a renderlo celebre per la sua immagine mascolina da cattivo ragazzo. Tuttavia Brando conosceva l’eleganza: sapeva bene come indossare un vestito e quando lo faceva appariva terribilmente affascinante. Con il nodo della cravatta stretto sopra, la sua giacca abbottonata e i suoi capelli neri e lucenti, non c’e da stupirsi del fatto che il suo stile continui ad essere ancora oggi così influente.

Sabina Rouse

Scritto da Sabina Rouse

Sabina Rouse, current English Literature student at the University of Reading in her second year. She enjoys writing for the Fashion and Beauty sections of the University Newspaper Spark* in addition to contributing to the online magazine Lust and Found. Sabina writes for the Biographies section of Catwalk Yourself.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>