Lucien Lelong

Nato a Parigi, Francia, 1889

Morto a Biarritz, Francia, 1958

Designer Biography Lucien Lelong

Copyright © AFP / Collection Roger-Viollet

I genitori di Lucien Lelog possedevano una piccola casa di alta moda che produceva abiti, concentrandosi su un look moderno. All’età di 20 anni Lelong entrò a far parte del business e immediatamente ridisegnò la boutique. Installando tappeti neri, muri, tetti e divani- voleva farla rassomigliare a una scatola di gioielli nera.

Si aspettava la presentazione della sua prima collezione per gli affair di famiglia, ma la sfilata venne cancellata a causa dello scoppio della prima Guerra mondiale. Lelong fu arruolato nell’esercito e mandato in trincea, servendo come ufficiale dell’intelligence.

Lelong riprese la sua carriera dopo la guerra, allo stesso tempo stava decollando la carriera di Coco Chanel. Lelong minò Chanel con il suo acume per gli affari, offrendo sconti alle donne di società che erano d’accordo ad essere fotografate con i suoi abiti. Con questa pubblicità extra il business fiorì e dal 1926 Lelong utilizzava 1200 impiegati.

Lelong iniziò a focalizzare il suo stile sull’idea di corpo in moto e in sport. Con il pensiero che l’abbigliamento avrebbe mostrato la sua vera forma in movimento, disegnò abiti con profonde pieghe che si muovevano con i vestiti. Lelong iniziò a supervisionare i modelli dei suoi abiti, non disegnando egli stesso poiché aveva il desiderio di industrializzare l’haute couture.

Nel 1934 creò una linea pret-à-porter separata da quella couture, uno dei primi stilisti a farlo.

Dal 1937 Lelong fu presidente del Chambre Syndacale de la Haute Couture. Dopo l’invasione tedesca fu responsabile della negoziazione con loro. I nazisti trasferirono interi archivi in Germania con l’intento complessivo di trasferire l’industria couture di Parigi nella loro nazione. Con il nuovo piano gli atelier parigini con i loro stilisti sarebbero stati trasferiti in Germania o in Austria, dove avrebbero formato una nuova generazione di stilisti tedeschi. I tedeschi credevano che la couture sarebbe diventata tedesca, non francese.

Lelong avvisò che il piano era irrealizzabile e che non avrebbe funzionato. La haute couture francese era dipendente da abili artigiani in minuscoli atelier, ognuno specializzato in un piccolo dettaglio. Le abilità non era possibile insegnarle e ci volevano decenni per raggiungere il livello di abilità artistica. Dichiarando che ogni nazione aveva i propri diritti per produrre la moda, i nazisti fecero marcia indietro e tornarono all’archivio della haute couture.

Avendo avuto successo, Lelong iniziò a concentrarsi di nuovo sui suoi affari nel 1941, quando assunse  Christian Dior e Pierre Balmain come stilisti. Intorno a quel periodo andò in America per convincere i compratori a ritornare a Parigi. Fu convincente solo in parte, fu solo quando il suo protetto Dior introdusse il ‘New Look’ che loro tornarono in massa nel 1947. Quello stesso anno Lelong si ritirò.

Lucien Lelong creò un abbigliamento femminile elegante e raffinato. Il suo coraggio e la sua determinazione aiutarono a salvare la haute couture parigina. Visto più come un coordinatore che come stilista, Lelong fu responsabile di aver incoraggiato Dior, Balmain e Givenchy.

Saxony Dudbridge

Scritto da Saxony Dudbridge

Saxony Dudbridge was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project, Saxony studies International Fashion Marketing and she is responsible for our great History and Designers Biographies sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>