Elsa Schiaparelli

Designer Biography Elsa Schiaparelli

Copyright © AFP / Collection Roger-Viollet

Nata a Roma, Italia, 1890

Morta a Parigi, Francia, 1973

Nata in una famiglia benestante, Elsa Schiapparelli trascorse la sua infanzia a Roma. Schiapparelli frequentò l’Università di Roma dove suo padre era preside di facoltà, a studiare Filosofia. Durante gli studi, Schiaparelli pubblicò un libro di poesie che i suoi genitori considerano essere inopportuno. Mandata in un convento dalla sua famiglia, Schiapparelli iniziò uno sciopero della fame che le permise di abbandonarlo.

Schiapparelli si trasferì a Londra a 22 anni accettando un lavoro come baby sitter. Adesso così vicina alla Francia, nel 1913 fece il suo primo viaggio a Parigi e visitò Rue de la Paix.

Mentre a Londra Schiapparelli incontrò William de Wendt, che sposò nel 1914 allo scoppio della guerra. L’anno dopo la coppia lasciò l’Inghilterra e si trasferì a Nizza.

Nel 1919 Schiapparelli e suo marito si trasferirono a New York dove conobbero Marcel Duchamp e Picabia. In quell’anno nacque anche la loro prima figlia, Yvonne.

Nel 1920 Schiapparelli e Wendt divorziarono. Trovandosi in ristrettezze economiche, Schiapparelli iniziò a lavorare con Gaby Picabia, un importatore di abbigliamento francese. Quando Picabia se ne andò a Parigi, la Schiaparelli iniziò a lavorare come traduttrice per una società di importazione.

Schiaparelli ritornò a Parigi nel 1922 dove continuò la sua amicizia con Picabia. Dopo aver iniziato a disegnare capi d’abbigliamento, la Schiaparelli aprì il suo primo atelier in Rue de Seine vendendo maglieria e abbigliamento sportivo.

Accompagnando un amico alla casa di moda di Paul Poiret, Schiaparelli fu colpita da i magnifici modelli di Poiret. Lì incontrò Poiret, che le offrì un cappotto come regalo, e iniziando un’amicizia che durerà tutta la vita.

Nel 1927 Schiaparelli aprì una boutique al 4 di Rue de la Paix. Con l’aiuto di rifugiati armeni, Schiaparelli lanciò una collezioni di maglieria con farfalle. In quell’anno inoltre iniziò a disegnare outfit fa città per la sua nuova boutique e assunse Jean Clement per lavorare come stilista di accessori.

Schiaparelli lanciò la sua prima collezione completa nel 1929, che la portò ad essere descritta come ‘ un talento di rara creatività’ del tempo. Gli anni successivi il suo business crebbe con successo. Nel fu creato il cappellino Md Cap insieme al primo completo da sera, nel 1933 aprì una boutique a Londra e Schiaparelli vestì Katherine Hepburn. L’anno dopo vennero lanciati tre profumi e dal 1935 Greta Garbo, Gloria Guiness e la duchessa di Windsor frequentavano tutte i suoi negozi.

Schiaparelli creò collezioni più famose nel corso dei decenni inclusa la ‘Music’ collection nel 1937 che aveva il cappello a forma di scarpa, un cappello telescopico con bottoni a forma di gamberi, aragoste e cigni.

Una fragranza maschile venne lanciata nel 1939 e l’anno dopo un accordo venne siglato con Kaise come produttore di calze.

Nel 1945 la casa di moda assunse sia Pierre Cardin che Hubert de Givenchy come atelier. Due anni dopo Schiaparelli lanciò una collezione di valigie.

Dal 1949 Schiaparelli divenne così popolare che aprì boutique negli Stati Uniti con la distribuzione di una collezione pret-à-porter. Le boutique furono ristrette a una per città per mantenere l’esclusività.

A causa di difficoltà economiche che aumentarono fino alla fine della guerra, Schiaparelli chiuse la sua casa di moda del 1954.

Elsa Schiaparelli morì nel sonno nel 1973, all’età di 83 anni. Fu famosa per aver unito a modelli classici elementi bizzarri. Con elementi surrealisti, i modelli della Schiaparelli erano spiritosi e irriverenti mostrando dove si uniscono moda e arte.

Saxony Dudbridge

Scritto da Saxony Dudbridge

Saxony Dudbridge was one of the first contributors to the Catwalk Yourself project, Saxony studies International Fashion Marketing and she is responsible for our great History and Designers Biographies sections.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>