Christie Brinkley

Fashion Model Biography Christie Brinkley

Copyright © AFP / Kobal / The Picture Desk

Christie Brinkley è nata nel 1954 in Michigan. Dopo essere cresciuta in California Christie si è trasferita Parigi nel 1973 per studiare arte e fu qui, mentre era in un ufficio postale, che fu scoperta. Christie, tornata in California, ha firmato per Elite Model Management. Alla fine del  primo pranzo con il suo agente Christie aveva firmato per tre campagne pubblicitarie nazionali. Fare la modella, tuttavia, non è mai stata uno delle aspirazioni originali  di Christie, lei non riteneva il suo aspetto tipicamente da “modella”.

“Ero praticamente una ragazza surfista della California. Non sono mai sembrata una modella”

Christie ha continuato a comparire in molte campagne di successo e notoriamente è stata  la prima modella ad apparire in costume da bagno tre volte consecutive sulla copertina di Sports Illustrated. In totale Christie è stata sulle copertine di oltre 500 riviste di moda tra cui Vogue, Harpers Baazar e Cosmopolitan. Christie ha fatto la storia della moda ancora una volta tenendo il più lungo contratto per 20 anni con il marchio Cover Girl cosmetici, il più lungo nella storia della moda. CoverGirl ha confermato Christie nuovamente nel 2005, usando il suo volto  per campagne di prodotti per pelli mature.

Christie è stata il volto di Chanel N19 e nel 1998 ha anche lanciato  il suo profumo personale, ‘Believe’. Sempre nel 1983 l’imprenditrice Christie ha scritto e illustrato il libro “Christie Brinkley’s Outdoor Fitness and Beauty book.”

Nel 1991 Allure ha condotto un sondaggio tastando gli americani medi che cercano di misurare la loro percezione per la bellezza,  Christie è stata ritenuta avere il look ideale americano. I capelli biondi e  gli occhi azzurri di Christie hanno portando i lettori di Playboy a votare Christie una delle 100 donne più sexy del 20 ° secolo.

Come tante altre modelle Christie è stata sentimentalmente legata a diversi uomini di alto profilo ed ha avuto in totale quattro matrimoni, con l’artista francese Jean-François Allaux, con il musicista Billy Joel, con il promotore immobiliare Richard Taubman e, infine, con  l’architetto Peter Cook Halsey. Christie ha frequentato anche Olivier Chandon de Brailles, l’erede della ricchezza dello champagne Moet, che ha incontrato nel famoso club  Studio 54, mentre promoveva il suo calendario.

Christie ha incontrato Billy Joel, quando è apparsa nel  suo video di ‘Uptown Girl’, lui le ha chiesto di sposarlo mentre lei era ancora sposata con il suo primo marito. Christie ha dipinto anche la copertina dell’ultimo CD di Billy Joel  ‘River of Dreams “, Rolling Stone l’ha selezionata come copertina dell’anno 1993.

Nel 1994 è sopravvissuta ad un grave incidente in elicottero con l’allora marito Richard Taubman. “Eravamo appena caduti “, dice Brinkley” E io ricordo di aver pensato, ‘Oh, mio dio, questo sta accadendo realmente. Non è l’effetto di un film. Non è un effetto speciale.. Questo non è un giro a Disney World. ‘ ”

Diventata più grande, Christie si divideva tra il fare la modella e la recitazione, il suo primo ruolo è stato nel 1983 in “The girl in the red Ferran” in National Lampoons Vacation. Nel 1992 ha iniziato la sua serie televisiva personale “Living in the 90s con Christie Brinkley”.

Christie Brinkley è ancora molto attiva pubblicamente, nel 2011 ha fatto il  suo debutto sul palcoscenico nel ruolo di Roxie Hart nel musical Chicago. Christie dedica ora molto tempo ad essere un attivista per i diritti degli animali con la PETA.

Roanna Price

Scritto da Roanna Price

Roanna Price, fascinated by the escapism, imagination and conversation that can be conjured in the glossy page of fashion writing. Journalism graduate in Liverpool Roanna is responsible for our Top Model Biographies section.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>